29 marzo 2010

Progetto Tor: proteggi gratis la tua identità su Internet!

Quante volte apprendiamo dai giornali o dalla televisione di persone che si sono trovate nei guai perchè i loro dati personali sono stati rubati ed utilizzati per danneggiare e/o truffare altri innocenti?

Tutto ciò succede perchè quando si naviga nella Rete i nostri movimenti (i siti dove andiamo, le operazioni che facciamo, le email che inviamo, etc.) possono essere tracciati da malfattori che poi riescono a ricostruire le nostre abitudini e i nostri interessi.

Ma come possiamo proteggerci da questi rischi? Occorre una soluzione che ci garantisca l'anonimato quando si naviga in Rete.

La domanda è: esiste una soluzione del genere? E se si, quanto ci costa?

La risposta ad entrambe le domande è positiva. Esiste una tale soluzione ed è gratuita: il Progetto Tor.

Si tratta di un progetto open source nato proprio per proteggere dalla cosidetta analisi del traffico che mette a rischio la nostra privacy, le comunicazioni confidenziali e la sicurezza di stato.

Ma come funziona il Progetto Tor? Tor è una rete di tunnel virtuali che distribuisce le transazioni attraverso tanti nodi di Internet facendo sì che non si riesca a ricostruire un legame tra mittente e destinatario. In questo modo chi effettua un'analisi del traffico non è più in grado di ricostruire i nostri movimenti.

Il progetto venne realizzato in origine per conto della Marina degli Stati Uniti per proteggere le comunicazioni di Stato. Ma oggi viene utilizzato per vari scopi da militari, forze dell'ordine, dalla magistratura, giornalisti, blogger, aziende e molti altri.

Tor offre tra l'altro anche dei servizi nascosti che consentono di pubblicare siti web ed altri servizi senza rivelare la reale posizione del server.

Altra caratteristica interessante di Tor è che può essere installato su una chiavetta USB e quindi usato ovunque siamo.

Naturalmente, come tutte le tecnologie, l'anonimato garantito dal Progetto Tor può essere utilizzato a fin di bene o meno. Sta alla coscienza di noi fruitori usarlo nel modo giusto.

Comunque è doveroso dire che grazie al Progetto Tor cittadini che vivono in nazioni con regimi repressivi possono usare Internet per far sapere al resto del mondo cosa succede nel loro paese. E', ad esempio, il caso dei giornalisti in Cina che utilizzano Tor per diffondere articoli su eventi locali o per promuovere riforme politiche e sociali.

Se volete navigare su Internet sicuri di proteggere la vostra identità allora il Progetto Tor è la soluzione giusta per voi.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

0 commenti:

Posta un commento